Una vita in Africa – A life in Africa Rotating Header Image

Quando non si vuol capire – When one does not want to understand

The Italian weekly Famiglia Cristiana writes: “Confrontng Aids only with the distribution of preservatives, condemns to death 22 and a half million Africans who already have Aids. It is a minimal solution that hides the interests of multinationals, Governments and NGOs. To distribute preservatives – say African health workers and associations – hinders a serious reflection on sexuality, sexual violence and the dignity of women. Obviously, for those who have halved aid to development and cooperation, things are well as they are.”
Words that I underwrite one by one, as I underwrite the document that comes from Uganda, found at the link indicated here below.
Yet, we cannot avoid to ask ourselves: the abysmal ignorance on the causes and consequences of Aids in Africa demonstrated by the European politician and commentators when they have rejected the words of Benedict XVI during his African tour ten days ago, is only pure ignorance or also bad faith?

hiv-prevention-conundrum-did-the-pope-have-a-case-26-march-2009

pan-3

3 Comments

  1. A mio avvisto bocciatura delle parole del Papa è dovuta a:

    1. Pregiudizio, ideologia, presunzione

    2. Pura ignoranza della questione

    3. Malafede economicamente fondata

    Poi si può anche dissentire per carità, ma irridere e contestare anche con violenza una posizione ragionevole ed anche statisticamente se non scientificamente fondata, mi pare un comportamento “reazionario-totalitario” degno di una vera dittatura laicista… Perché condannare a tutti i costi anche quando il “nemico clericale” dice qualcosa di perlomeno sensato e che, è dimostrato, ha salvato più vite della modernità del mitico palloncino di plastica?

    Tutti possono parlare, dire le più grandi stronzate e volgarità del mondo contro il Papa, Gesù, la Chiesa, ma quando qualche prelato prende una posizione non politically correct allora lo si accusa di attentare alla modernità, alla libertà individuale, calpesta addirittura i diritti umani.

    Fa sorridere e perfino tenerezza leggere ed ascoltare i soliti opinion leader nel tentativo ormai quasi riuscito di eleggere a campione del progressismo Papa Giovanni Paolo II. Ora che ci sia un diversa indole comunicativa lo vediamo tutti, ma quanto a contenuti teologici, morali, dottrinali… Giovanni Paolo II progressista… Ah! Ah! Ah! Ma la cosa drammatica è che la gente comune ci crede. Vai poi a parlare di potere mediatico e di influenza delle masse da parte della Chiesa: questi stravolgono la realtà come sul caso della Sapienza, come sul discorso di Ratisbona. Ed il problema è sempre quello: titoli dei giornali ed articoli approssimativi. Nessuno più legge un intervento per intero. Poi, ripeto, liberi di dissentire. Per carità. Del resto ognuno di noi è obbligato ad appartenere ad uno stato ed a rispettarne le leggi (ma se sbagliate – come diceva don Milani – abbiamo il dovere di obiettarle). L’appartenenza alla Chiesa, forse qualcuno se lo è dimenticato, non è obbligatoria. E la Chiesa, come soggetto sociale può legittimamente operare per “convincere” o far affermare i suoi ideali. Democrazia e Libertà!

    Spero di sbagliarmi ma, c’è un clima da “Padrone del Mondo” di Benson (scritto nel 1907) nei confronti della Chiesa Cattolica.

  2. Carlotta says:

    Credo che le posizioni di duro contrasto siano state causate anche da una pessima informazione. La comprensione di certe affermazioni, soprattutto di quelle più delicate, dipende parecchio da come queste vengono sottoposte alle persone. L’argomento è difficile. Particolarmente lo è per chi come me non è africano, non vive in Africa, non conosce a fondo l’Africa e magari fa pure fatica a capire dato che, come spesso accade, non basta parlare di teorie o di princìpi…la realtà è ampia e complessa. Ma ci si prova.
    Caro Kizito, ti ringrazio ancora una volta per non sottrarti al confronto, per proporre spesso argomenti scottanti e per essere fra quelli che si espongono così, anche a costo di non essere capito o facilmente appoggiato (dalla Chiesa come anche dal mondo laico).
    Be blessed, Abambo.
    Carlotta

  3. Melvina says:

    I’m shkoecd that I found this info so easily.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Italiano English
This blog is multi language by p.osting.it's Babel